Maracuoccio di Lentiscosa

Avete mai sentito parlare del maracuoccio?

Il Maracuoccio di Lentiscosa è un legume simile al pisello, considerato un antenato delle cicerchieIl Maracuoccio di Lentiscosa è un legume simile al pisello, considerato un antenato delle cicerchie. Le piante sono simili a quelle dei ceci e producono un piccolo baccello. All’interno del baccello ci sono diversi semi di forma irregolare e di colori diversi, dal verde al rossastro. Una volta essiccati, i semi vengono macinati e trasformati in farina che viene consumata sotto forma di polenta.

Le origini del Maracuoccio sono molto antiche. Una curiosità sull’etimologia del nome, che deriverebbe da mar, posto dove cresce qualcosa di amaro e cuoccio, baccello. È stato coltivato per secoli come alimento per il bestiame o come alimento per la parte più povera del popolo. Da qualche anno, invece, si incentiva la produzione secondo tradizione del Maracuoccio attraverso il recupero delle sementi antiche.

L’area di coltivazione è quella di Lentiscosa, situata nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

La semina del Maracuoccio avviene ad ottobre e la raccolta a giugno ma la sua farina è reperibile tutto l’anno.

Una delle preparazioni tradizionali che ha come ingrediente fondamentale il Maracuoccio è una polenta dal gusto particolare: la Maracucciata. Un’altra ricetta tipica è quella dei Cicci Maritati.

I “Cicci Maritati” sono un piatto povero della tradizione contadina cilentana. Si tratta di una zuppa di cereali e legumi di diverso tipo. Nei tempi antichi veniva preparata “sposando” nella pentola le rimanenze dei legumi che si trovavano in casa (ecco perché sono “maritati”).

Proprietà nutrizionali – 100 g di Maracuoccio contengono:

  • Proteine 26-30 g
  • Carboidrati 48-55 g
  • Grassi 0,5-2,5 g
  • Fibre 4-7 g

La ricetta della Maracuocciata

Ingredienti:

  • Farina di maracuoccio e grano (50%-50%)
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Cipolla
  • Crostini di pane
  • Peperoncino piccante
  • Sale

Procedimento:

Riempite una pentola d’acqua, una volta raggiunta l’ebollizione, aggiungete lentamente la farina di maracuoccio e il grano, mantenendo la fiamma bassa. Mescolate energicamente per evitare che il tutto si attacchi alla pentola.

In una padella a parte mettete a rosolare con l’olio d’oliva, la cipolla, i crostini di pane e il peperoncino piccante. Una volta che la cipolla sarà imbiondita togliete la padella dal fuoco.

Quando la polenta di farina sarà cotta aggiungete il composto rosolato in padella e mescolate fino a quando l’olio non sarà completamente assorbito.

Servite ben calda.

Facebooktwitterredditpinterest